Sono belle….ma false. Contro il mercato della contraffazione, il Museo dei Brettii e degli Enotri mette in mostra reperti e opere sequestrati dal Nucleo Tutela Patrimonio Culturale

Dopo la conferenza a Palazzo Arnone sui temi della contraffazione in campo artistico, l’Amministrazione comunale offre il proprio contributo alla campagna nazionale del MiBACT e dell’Istituto Nazionale Anticontraffazione attraverso il Museo di Bretti e degli Enotri che, sul tema, allestisce la mostra “Bello ma Falso: tutta un’altra storia!”, che sarà inaugurata venerdì 17 novembre, alle ore 17. Saranno presenti il vicesindaco e assessore alla cultura Jole Santelli, il Comandante dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza, Maggiore Carmine Gesualdo, il Magnifico Rettore dell’UniCal Gino Mirocle Crisci, il direttore del Museo dei Brettii e degli Enotri Marilena Cerzoso, il prof. Armando Taliano Grasso, responsabile del Laboratorio di Topografia Antica e Antichità Calabresi del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università della Calabria e la Prof.ssa Donatella Barca, referente del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali. La mostra presenta una selezione di reperti archeologici e opere d’arte oggetto di sequestro da parte dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza. I reperti archeologici, che sono stati tutti sequestrati nel 2011, presentandosi integri e in buono stato di conservazione, imitano classi di produzioni ceramiche tra le più note in Italia meridionale nel periodo in cui questo territorio è meglio conosciuto come Magna Grecia. Tutti sono accompagnati da pannelli esplicativi degli studi archeologici e diagnostici effettuati, atteso che alcuni casi dubbi hanno reso necessarie analisi diagnostiche aggiuntive per definire la composizione elementare dei manufatti e determinare le componenti delle vernici. Le opere pittoriche sono state oggetto di più sequestri dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza, che in un caso hanno addirittura rintracciato un vero e proprio laboratorio con strumenti di falegnameria e apparati informatici, in cui un “artista” specializzato nella realizzazione di falsi, attraverso un “nickname”, metteva in vendita sui siti d’aste online centinaia tra quadri e litografie attribuite ad artisti contemporanei tra i più quotati.
Dopo l’inaugurazione, che è ad ingresso gratuito, la mostra sarà visitabile fino al 17 dicembre 2017 con un biglietto ridotto di € 3.00, che comprende anche la visita a tutto il Museo. Il contributo del Museo dei Brettii e degli Enotri alle iniziative sulla contraffazione non si ferma alla mostra ma prevede anche un incontro su “I falsi d’arte – natura, sviluppo, legislazione”, che si terrà al Museo il 14 dicembre (ore 16.30), e avrà come relatore il dott. Massimiliano Croce, specializzato nella Tutela del Patrimonio Culturale.
Autore: Annarita Callari (dai comunicati stampa del portale del Comune di Cosenza www.comune.cosenza.gov.it)
Artwork-Mostra-32x45 (5)

Data / Ora
Data - 17/11/2017 - 17/12/2017 9:00 - 18:30

Luogo
Museo dei Brettii e degli Enotri

Map
Sto caricando la mappa ....


Categorie

I commenti sono chiusi