L’interazione culturale tra Enotri e Brettii in Magna Grecia nel volume che completa un progetto UniCal sul patrimonio storico-archeologico regionale. La presentazione al Museo dei Brettii e degli Enotri

E’ un’identità culturale variegata e complessa quella del territorio calabrese e, come tale, viene esplorata nel volume “Enotri e Brettii in Magna Grecia: modi e forme di interazione culturale”, evitando la visione semplicistica e stereotipata in base alla quale l’immagine magno-greca prevale su tutte le altre, senza tenere nella giusta considerazione l’articolato e dinamico panorama del popolamento della regione costituito da diversi gruppi etnici, in relazioni e rapporti tra di loro, che hanno contribuito a creare la specifica identità culturale della Calabria. Il libro, curato da Giovanna De Sensi Sestito e Stefania Mancuso, per i timbri di Rubbettino, è l’esito di un progetto di ricerca e di valorizzazione del patrimonio storico-archeologico regionale promosso dall’Università della Calabria, che ha visto la sua prima tappa nel 2007 nel convegno nazionale tenutosi all’UniCal, che ha proposto una prima riflessione sui dati già noti e ha fatto da stimolo a nuove ricerche; poi, nel 2011, la pubblicazione di un primo volume contenente un numero cospicuo di saggi quale versione aggiornata e documentata delle relazioni presentate in occasione del Convegno. Questo secondo volume, che sarà presentato martedì 11 dicembre alle ore 17.30, nelle sale del Museo dei Brettii e degli Enotri, completa il panorama delle relazioni allora svolte, integrate dai risultati delle ricerche realizzate da parte di alcuni autori negli anni successivi. Ampia è la sezione dedicata ai Brettii, con una serie di casi di studio che riguardano siti già analizzati ma con approfondimenti nuovi, grazie alle conoscenze scientifiche maturate nel tempo. “Il secondo volume su Enotri e Brettii in Magna Grecia – afferma la prof.ssa Giovanna De Sensi Sestito – è un punto di arrivo per la conoscenza della storia antica della Calabria perchè completa un lavoro ventennale che ha visto complessivamente impegnati 47 autori di discipline diverse. Ma ogni punto di arrivo è un punto di partenza, perché sono in progetto nuovi importanti obiettivi”. Alla presentazione, dopo i saluti istituzionali del Sindaco Mario Occhiuto, dell’ass. regionale alle attività culturali Maria Francesca Corigliano e del Magnifico Rettore dell’UniCal Gino Mirocle Crisci, daranno il loro contributo Maria Cerzoso, direttore del Museo dei Brettii e degli Enotri e Francesco Gioacchino La Torre, ordinario di archeologia classica all’Università degli Studi di Messina. Saranno presenti le curatrici e gli autori.
Autore: Annarita Callari (dai comunicati stampa del portale del Comune di Cosenza www.comune.cosenza.it)

Data / Ora
Data - 11/12/2018 17:30 - 20:00

Luogo
Museo dei Brettii e degli Enotri

Map
Sto caricando la mappa ....


Categorie

I commenti sono chiusi